Balletto fatto nel battesimo del terzo genito delle Serenissime Altezze di Toscana

The intermedii of a performance celebrating the baptism of a Medici child.

Vertical Tabs

Reader
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<?xml-model href="http://www.tei-c.org/release/xml/tei/custom/schema/relaxng/tei_all.rng" type="application/xml" schematypens="http://relaxng.org/ns/structure/1.0"?>
<?xml-model href="http://www.tei-c.org/release/xml/tei/custom/schema/relaxng/tei_all.rng" type="application/xml"
	schematypens="http://purl.oclc.org/dsdl/schematron"?>
<TEI xmlns="http://www.tei-c.org/ns/1.0">
   <teiHeader>
      <fileDesc>
         <titleStmt>
            <title>The Signori Paggi's Balletto (1613): A Basic TEI Edition</title>
            <author>Galileo’s Library Digitization Project</author>
            <respStmt>
               <name>Galileo’s Library Digitization Project</name>
            </respStmt>
	    <respStmt>
		<name>Crystal Hall</name>
		<resp>OCR cleaning and XML creation</resp>
	    </respStmt>
         </titleStmt>
         <publicationStmt>
            <publisher>
                <orgName>the TEI Archiving, Publishing, and Access Service (TAPAS)</orgName>
            </publisher>
            <address>
              <addrLine>360 Huntington Avenue</addrLine>
              <addrLine>Northeastern University</addrLine>
              <addrLine>Boston, MA 02115</addrLine>
            </address>
            <availability>
                <licence>Creative Commons BY-NC-SA</licence>
            </availability>
         </publicationStmt>
         <notesStmt>
            <note>Based on the copy held by the Warburg Institute.</note>
         </notesStmt>
	<sourceDesc>
            <bibl>
               <title>Balletto fatto nel battesimo del terzo genito delle Serenissime Altezze di Toscana dai Signori Paggi di S.A.S. In Firenze Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori. M.D.C.XIII.</title>
               <author>Unknown</author>
               <pubPlace>Florence</pubPlace>
               <publisher>Pignoni, Zanobi</publisher>
               <date>1613</date>. 
            </bibl>
         </sourceDesc>
      </fileDesc>
      <encodingDesc>
         <projectDesc>
            <p>This TEI edition is part of a project to create accurate, machine-readable versions of books known to have been in the library of Galileo Galilei (1563-1642).</p>
         </projectDesc>
         <samplingDecl>
            <p>This work was chosen to maintain a balance in the corpus of works by Galileo, his opponents, and authors not usually studied in the history of science.</p>
         </samplingDecl>
         <editorialDecl>
            <correction>
               <p>Lists of errata have not been incorporated into the text. Typos have not been corrected.</p>
            </correction>
            <normalization>
               <p>The letters u and v, often interchangeable in early Italian books, are reproduced as found or as interpreted by the OCR algorithm. Punctuation has been maintained. The goal is an unedited late Renaissance text for study.</p>
            </normalization>
            <quotation>
               <p></p>
            </quotation>
            <hyphenation>
               <p>Hyphenation has been maintained unless it pertains to a line break (see "segmentation").</p>
            </hyphenation>
            <segmentation>
               <p>Word breaks across lines have not been maintained. The word appears in the line in which the first letters were printed. Words broken across pages appear on the page on which the first letters appear. Catch words are not included.</p>
            </segmentation>
         </editorialDecl>
      </encodingDesc>
      <profileDesc>
         <textDesc>
            <derivation type="original"></derivation>
         </textDesc>
      </profileDesc>
   </teiHeader>
<titlePage>
<lb/>BALLETTO
<lb/>FATTO NEI, BATTESIMO 
<lb/>DEL TERZO GENITO
<lb/>DELLE SERENISSIME ALTEZZE DI
<lb/>TOSCANA
<lb/>DA SIGNORI PAGGI DI S. A. S.
<lb/>In Firenze
<lb/>Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori M.D.C.XIII.
</titlePage>
<text>
<body>
<pb n="1"/>
<lb/>MARTE.
<lb/>Non con voglie lascive,
<lb/>Come tu spesso Amore,
<lb/>Armo la destra a saettare un core,
<lb/>Ma ne' piu nobil petti
<lb/>Spiro foco, e valore,
<lb/>E godo rimirare al suon di Tromba
<lb/>Hor su l'ignuda arena,
<lb/>Hor ne' spumosi campi d'Anfitrite
<lb/>Hor su piagge romite,
<lb/>Legni despersi, e popoli in catena;
<lb/>Queste son le mie gioie, e i miei trofei;
<lb/>Lo san ben qui tra noi
<lb/>Questi famosi Eroi,
<lb/>Questi, cui 'l crin gravai di mille palme,
<lb/>E del bel Tosco regno
<lb/>Che si n'arrise il Ciel, diede l'impero;
<lb/>Dunque sia vil tenzone
<lb/>Di magnanimo core a Cor si molle,
<pb n="2"/>
<lb/>Amor far paragone:
<lb/>Tu sei d'animo immondo
<lb/>Io domator, trionfator del mondo ;
<lb/>Il mio valor s'estolle
<lb/>Piu che non fa vezzosa
<lb/>Tra i pallidetti fior la fresca rosa.
<lb/>
<lb/>AMORE.
<lb/>Oh di sangue guerriero avido Amico,
<lb/>Cessin l' ire tra noi,
<lb/>Che ben veder tu puoi,
<lb/>Da questi occhi sereni,
<lb/>Da si candidi seni
<lb/>Qual sian l'armi d'Amor d'Amor gl'imperi;
<lb/>Tacerò di quest'arco
<lb/>L'insuperabil prove
<lb/>Piu loquace è tal hora il dir piu parco;
<lb/>Lo sa, lo sa ben Giove,
<lb/>E tu lo sai non meno
<pb n="3"/>
<lb/>All'hor ch'avvinto entro al materno letto
<lb/>I tuoi furti celar tentasti in vano;
<lb/>Lo sa 'l padre Oceano
<lb/>Lo san tutti, i mortali, e i cor piu degni.
<lb/>E chi commuove i regni ? e chi gl'affrena?
<lb/>E chi l'inclita prole
<lb/>Fa qui di Maddalena
<lb/>Aprir le vaghe ciglia al Ciel sereno,
<lb/>Altri, ch'Amore ? e senza Amore il mondo
<lb/>Non se n'andrebbe in precipitio al fondo?
<lb/>Cessin l' ire tra noi, cessin gl' orgogli,
<lb/>Ceda Marte ad Amore,
<lb/>Come cede alla rosa, ogn' altro fiore.
<lb/>
<lb/>MARTE.
<lb/>Quanta virtu da quei velati rai
<lb/>Ti tolse il Ciel, tutta ti pose in bocca,
<lb/>Si lusingar, si ben parlar tu sai :
<lb/>Ma vedi, Amor, sei conosciuto omai;
<pb n="4"/>
<lb/>Si sa che l'armi tue son voci, e piume,
<lb/>E ch'hai sol per costume,
<lb/>Di lusingar, non di ferire i cori,
<lb/>Io piu vago di sangue
<lb/>Sprezzo ogn'altro  martire,
<lb/>Che 'l ferire, o 'l morire,
<lb/>Ben sapran qui ridir mille mortali
<lb/>Le tue pene, e i tuoi mali,
<lb/>Ma della destra mia chi prova l'ire
<lb/>Piu non le sa ridire.;
<lb/>
<lb/>AMORE.
<lb/>Tu d'una morte sola
<lb/>Puoi far satio il tuo core,
<lb/>Ma cento morti ogn'hora
<lb/>E'n cento guise apportar puo chi vola;
<lb/>Tu che si forte sei
<lb/>Opra in me se tu puoi, tuo ferro crudo :
<lb/>E pur mi vedi ignudo.
<pb n="5"/>
<lb/>Farò ben io ch' invano
<lb/>Impugnerai lo scudo
<lb/>Contro l' alto poter di questa mano;
<lb/>Smorzarò ben della tua mente l'ire,
<lb/>Se temprarò miei dardi
<lb/>In questi, acuti sguardi;
<lb/>Anzi, ti farò dire;
<lb/>Che 'l contrastar piu meco
<lb/>È temerario ardire;
<lb/>Ecco chi più di me ti puo ferire :
<lb/>Chi le crude armi tue, tuoi sensi affrena
<lb/>Pur è madre d'Amor chi t' incatena.
<lb/>
<lb/>VENERE.
<lb/>Le mie placide voglie amato figlio
<lb/>Cognoscer non gli fero il tuo valore
<lb/>All'hor che tua mercè, con lieto ciglio
<lb/>Tra i piu dolci sospir gli diedi il core ;
<lb/>Ma tu, se saggio sei cangia consiglio :
<pb n="6"/>
<lb/>Cedi, deh cedi omai, Marte, ad Amore ;
<lb/>Tosto vedrai, qual sovra i tuoi guerrieri
<lb/>E sovra te siano d'Amor gl'imperi,
<lb/>
<lb/>Dichan le greche, e le latine carte
<lb/>De' maggior Regi, e Cavalier migliori,
<lb/>Quanti, oh quanti lasciàr l'orme di Marte
<lb/>Per gl' affetti seguir dei loro Amori,
<lb/>Ne men fors' oggi il lusinghier comparte
<lb/>A mille Eroi nel seno alti dolori;
<lb/>Tutti trofei di questo mio diletto
<lb/>Che gl'occhi altrui beando, ancide il petto;
<lb/>
<lb/>AMORE.
<lb/>Tu che de' sommi Regi,
<lb/>Diva, l'eccelse glorie eterne rendi
<lb/>Su ne celesti seggi
<lb/>A campi Elisi scendi;
<lb/>E chi dalla mia face
<pb n="7"/>
<lb/>Hebbe tormento, e pace
<lb/>Venga, e chi per me gode,
<lb/>A palesar mia lode.
<lb/>
<lb/>ETERNITÀ.
<lb/>Voi che felici campi
<lb/>Godete anime liete, anime ardite,
<lb/>Venite omai, venite
<lb/>E co' sereni lampi,
<lb/>E con veraci istorie
<lb/>Esaltate d'Amor l' eccelse glorie.
<lb/>
<lb/>Venga colui che con l'ardita mano
<lb/>Diede a la Donna sua sepolcro, e vita;
<lb/>Tancredi, e seco la guerriera ardita,
<lb/>Lacrimata da lui gran tempo in vano,
<lb/>
<lb/>Ne tardin piu quei cor si generosi
<lb/>Che d'alte glorie e di me stessa ornate,
<pb n="8"/>
<lb/>Sprezzaron per l'onor gl'ultimi fati,
<lb/>Gildippe, &amp; Odoardo Amanti, e sposi.
<lb/>
<lb/>Tu che d'Armida alle lascivie, a i vezzi
<lb/>Fosti rapito, e poi domasti i Siri,
<lb/>Vientene seco; e i caldi suoi sospiri
<lb/>Tuo generoso Cor piu non disprezzi.
<lb/>
<lb/>Muova la coppia generosa il piede
<lb/>D' Isabella e Zerbin con fera sorte,
<lb/>Quel per l'amico, e questa hebbe la morte
<lb/>Per conservare al suo signor la fede,
<lb/>
<lb/>Di Rodomonte e Mandricardo altero
<lb/>L'occisor franco, e la sua Donna avante
<lb/>Segua, dico, Ruggiero, e Bradamante ;
<lb/>Tanto basti a mostrar d'Amor l' impero.
<pb n="9"/>
<lb/>VENERE.
<lb/>E quai Guerrieri, e quai cortesi amanti
<lb/>Ne mostri amato figlio? O Cieli, o Stelle,
<lb/>Vedeste mai ne' vostri moti erranti.
<lb/>Arder di piu bel foco alme piu belle ?
<lb/>Dhe, non si tratti a si gran Rege avanti,
<lb/>All'amato da lui lucido sole
<lb/>Piu di contese o d'armi;
<lb/>Sol di balli, e carole
<lb/>Veggio ch'Amore ha sete ;
<lb/>Obbeditelo voi, alme ch'ardete.
<lb/>
<lb/>VENERE.
<lb/>Deh, s'a' vostri desiri
<lb/>Mai sempre arrida il Cielo,
<lb/>Disarmate la man d'aurato telo;
<lb/>Ciascun dimostri, in disusati giri,
<lb/>Havere il piede snello, e destro il fianco
<lb/>Non men nell'armi, che ne balli franco.
<pb n="10"/>
<lb/>AMORE.
<lb/>Itene omai, voi, che felici ardete,
<lb/>Lieti godete, o fortunati amanti,
<lb/>E tra diletti, e canti
<lb/>Trapassate in amar l'ore piu liete ;
<lb/>Ite, e d'Amore i vanti
<lb/>Intrecciate e gl'onori,
<lb/>Tesori eterni agl'amorosi Cori.
<lb/>
<lb/>Noi qui tra rose in tanto e tra viole
<lb/>L'inclita prole onorerem cantando,
<lb/>E quando sorge, e quando
<lb/>Nell'immenso ocean si colca il Sole;
<lb/>Poi tra le nubi errando
<lb/>D' alte glorie, e divine
<lb/>Al fine gl'ornerem l'aurato crine
<lb/>
<lb/>Del Mediceo valore ai cari accenti
<lb/>Tacino i Venti, e non si scuota fronda ;
<lb/>Aura spiri seconda
<pb n="11a"/>
<lb/>A generosi suoi pensieri ardenti,
<lb/>Il Ciel, la Terra e l'Onda,
<lb/>Ove sua voglia aspiri,
<lb/>Lo giri lieto, e fortunato il miri.
<lb/>FINIS.
<pb n="11b"/>
<lb/>Personaggi, che ballano
<lb/>Tanchredi, e Clorinda
<lb/>Rinaldo, e Arnida
<lb/>Odoardo, e Gildippe
<lb/>Zerbino, e Isabella
<lb/>Ruggiero, e Bradamante.
</body>
</text>
</TEI>
The Signori Paggi's Balletto (1613): A Basic TEI Edition Galileo’s Library Digitization Project Galileo’s Library Digitization Project Crystal Hall OCR cleaning and XML creation the TEI Archiving, Publishing, and Access Service (TAPAS)
360 Huntington Avenue Northeastern University Boston, MA 02115
Creative Commons BY-NC-SA
Based on the copy held by the Warburg Institute. Balletto fatto nel battesimo del terzo genito delle Serenissime Altezze di Toscana dai Signori Paggi di S.A.S. In Firenze Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori. M.D.C.XIII. Unknown Florence Pignoni, Zanobi 1613.

This TEI edition is part of a project to create accurate, machine-readable versions of books known to have been in the library of Galileo Galilei (1563-1642).

This work was chosen to maintain a balance in the corpus of works by Galileo, his opponents, and authors not usually studied in the history of science.

Lists of errata have not been incorporated into the text. Typos have not been corrected.

The letters u and v, often interchangeable in early Italian books, are reproduced as found or as interpreted by the OCR algorithm. Punctuation has been maintained. The goal is an unedited late Renaissance text for study.

Hyphenation has been maintained unless it pertains to a line break (see "segmentation").

Word breaks across lines have not been maintained. The word appears in the line in which the first letters were printed. Words broken across pages appear on the page on which the first letters appear. Catch words are not included.

BALLETTO FATTO NEI, BATTESIMO DEL TERZO GENITO DELLE SERENISSIME ALTEZZE DI TOSCANA DA SIGNORI PAGGI DI S. A. S. In Firenze Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori M.D.C.XIII. MARTE. Non con voglie lascive, Come tu spesso Amore, Armo la destra a saettare un core, Ma ne' piu nobil petti Spiro foco, e valore, E godo rimirare al suon di Tromba Hor su l'ignuda arena, Hor ne' spumosi campi d'Anfitrite Hor su piagge romite, Legni despersi, e popoli in catena; Queste son le mie gioie, e i miei trofei; Lo san ben qui tra noi Questi famosi Eroi, Questi, cui 'l crin gravai di mille palme, E del bel Tosco regno Che si n'arrise il Ciel, diede l'impero; Dunque sia vil tenzone Di magnanimo core a Cor si molle, Amor far paragone: Tu sei d'animo immondo Io domator, trionfator del mondo ; Il mio valor s'estolle Piu che non fa vezzosa Tra i pallidetti fior la fresca rosa. AMORE. Oh di sangue guerriero avido Amico, Cessin l' ire tra noi, Che ben veder tu puoi, Da questi occhi sereni, Da si candidi seni Qual sian l'armi d'Amor d'Amor gl'imperi; Tacerò di quest'arco L'insuperabil prove Piu loquace è tal hora il dir piu parco; Lo sa, lo sa ben Giove, E tu lo sai non meno All'hor ch'avvinto entro al materno letto I tuoi furti celar tentasti in vano; Lo sa 'l padre Oceano Lo san tutti, i mortali, e i cor piu degni. E chi commuove i regni ? e chi gl'affrena? E chi l'inclita prole Fa qui di Maddalena Aprir le vaghe ciglia al Ciel sereno, Altri, ch'Amore ? e senza Amore il mondo Non se n'andrebbe in precipitio al fondo? Cessin l' ire tra noi, cessin gl' orgogli, Ceda Marte ad Amore, Come cede alla rosa, ogn' altro fiore. MARTE. Quanta virtu da quei velati rai Ti tolse il Ciel, tutta ti pose in bocca, Si lusingar, si ben parlar tu sai : Ma vedi, Amor, sei conosciuto omai; Si sa che l'armi tue son voci, e piume, E ch'hai sol per costume, Di lusingar, non di ferire i cori, Io piu vago di sangue Sprezzo ogn'altro martire, Che 'l ferire, o 'l morire, Ben sapran qui ridir mille mortali Le tue pene, e i tuoi mali, Ma della destra mia chi prova l'ire Piu non le sa ridire.; AMORE. Tu d'una morte sola Puoi far satio il tuo core, Ma cento morti ogn'hora E'n cento guise apportar puo chi vola; Tu che si forte sei Opra in me se tu puoi, tuo ferro crudo : E pur mi vedi ignudo. Farò ben io ch' invano Impugnerai lo scudo Contro l' alto poter di questa mano; Smorzarò ben della tua mente l'ire, Se temprarò miei dardi In questi, acuti sguardi; Anzi, ti farò dire; Che 'l contrastar piu meco È temerario ardire; Ecco chi più di me ti puo ferire : Chi le crude armi tue, tuoi sensi affrena Pur è madre d'Amor chi t' incatena. VENERE. Le mie placide voglie amato figlio Cognoscer non gli fero il tuo valore All'hor che tua mercè, con lieto ciglio Tra i piu dolci sospir gli diedi il core ; Ma tu, se saggio sei cangia consiglio : Cedi, deh cedi omai, Marte, ad Amore ; Tosto vedrai, qual sovra i tuoi guerrieri E sovra te siano d'Amor gl'imperi, Dichan le greche, e le latine carte De' maggior Regi, e Cavalier migliori, Quanti, oh quanti lasciàr l'orme di Marte Per gl' affetti seguir dei loro Amori, Ne men fors' oggi il lusinghier comparte A mille Eroi nel seno alti dolori; Tutti trofei di questo mio diletto Che gl'occhi altrui beando, ancide il petto; AMORE. Tu che de' sommi Regi, Diva, l'eccelse glorie eterne rendi Su ne celesti seggi A campi Elisi scendi; E chi dalla mia face Hebbe tormento, e pace Venga, e chi per me gode, A palesar mia lode. ETERNITÀ. Voi che felici campi Godete anime liete, anime ardite, Venite omai, venite E co' sereni lampi, E con veraci istorie Esaltate d'Amor l' eccelse glorie. Venga colui che con l'ardita mano Diede a la Donna sua sepolcro, e vita; Tancredi, e seco la guerriera ardita, Lacrimata da lui gran tempo in vano, Ne tardin piu quei cor si generosi Che d'alte glorie e di me stessa ornate, Sprezzaron per l'onor gl'ultimi fati, Gildippe, & Odoardo Amanti, e sposi. Tu che d'Armida alle lascivie, a i vezzi Fosti rapito, e poi domasti i Siri, Vientene seco; e i caldi suoi sospiri Tuo generoso Cor piu non disprezzi. Muova la coppia generosa il piede D' Isabella e Zerbin con fera sorte, Quel per l'amico, e questa hebbe la morte Per conservare al suo signor la fede, Di Rodomonte e Mandricardo altero L'occisor franco, e la sua Donna avante Segua, dico, Ruggiero, e Bradamante ; Tanto basti a mostrar d'Amor l' impero. VENERE. E quai Guerrieri, e quai cortesi amanti Ne mostri amato figlio? O Cieli, o Stelle, Vedeste mai ne' vostri moti erranti. Arder di piu bel foco alme piu belle ? Dhe, non si tratti a si gran Rege avanti, All'amato da lui lucido sole Piu di contese o d'armi; Sol di balli, e carole Veggio ch'Amore ha sete ; Obbeditelo voi, alme ch'ardete. VENERE. Deh, s'a' vostri desiri Mai sempre arrida il Cielo, Disarmate la man d'aurato telo; Ciascun dimostri, in disusati giri, Havere il piede snello, e destro il fianco Non men nell'armi, che ne balli franco. AMORE. Itene omai, voi, che felici ardete, Lieti godete, o fortunati amanti, E tra diletti, e canti Trapassate in amar l'ore piu liete ; Ite, e d'Amore i vanti Intrecciate e gl'onori, Tesori eterni agl'amorosi Cori. Noi qui tra rose in tanto e tra viole L'inclita prole onorerem cantando, E quando sorge, e quando Nell'immenso ocean si colca il Sole; Poi tra le nubi errando D' alte glorie, e divine Al fine gl'ornerem l'aurato crine Del Mediceo valore ai cari accenti Tacino i Venti, e non si scuota fronda ; Aura spiri seconda A generosi suoi pensieri ardenti, Il Ciel, la Terra e l'Onda, Ove sua voglia aspiri, Lo giri lieto, e fortunato il miri. FINIS. Personaggi, che ballano Tanchredi, e Clorinda Rinaldo, e Arnida Odoardo, e Gildippe Zerbino, e Isabella Ruggiero, e Bradamante.

Toolbox

Themes:

The Signori Paggi's Balletto (1613): A Basic TEI Edition Galileo’s Library Digitization Project Galileo’s Library Digitization Project Crystal Hall OCR cleaning and XML creation the TEI Archiving, Publishing, and Access Service (TAPAS)
360 Huntington Avenue Northeastern University Boston, MA 02115
Creative Commons BY-NC-SA
Based on the copy held by the Warburg Institute. Balletto fatto nel battesimo del terzo genito delle Serenissime Altezze di Toscana dai Signori Paggi di S.A.S. In Firenze Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori. M.D.C.XIII. Unknown Florence Pignoni, Zanobi 1613.

This TEI edition is part of a project to create accurate, machine-readable versions of books known to have been in the library of Galileo Galilei (1563-1642).

This work was chosen to maintain a balance in the corpus of works by Galileo, his opponents, and authors not usually studied in the history of science.

Lists of errata have not been incorporated into the text. Typos have not been corrected.

The letters u and v, often interchangeable in early Italian books, are reproduced as found or as interpreted by the OCR algorithm. Punctuation has been maintained. The goal is an unedited late Renaissance text for study.

Hyphenation has been maintained unless it pertains to a line break (see "segmentation").

Word breaks across lines have not been maintained. The word appears in the line in which the first letters were printed. Words broken across pages appear on the page on which the first letters appear. Catch words are not included.

BALLETTO FATTO NEI, BATTESIMO DEL TERZO GENITO DELLE SERENISSIME ALTEZZE DI TOSCANA DA SIGNORI PAGGI DI S. A. S. In Firenze Per Zanobi Pignoni. Con licenza de' Superiori M.D.C.XIII. MARTE. Non con voglie lascive, Come tu spesso Amore, Armo la destra a saettare un core, Ma ne' piu nobil petti Spiro foco, e valore, E godo rimirare al suon di Tromba Hor su l'ignuda arena, Hor ne' spumosi campi d'Anfitrite Hor su piagge romite, Legni despersi, e popoli in catena; Queste son le mie gioie, e i miei trofei; Lo san ben qui tra noi Questi famosi Eroi, Questi, cui 'l crin gravai di mille palme, E del bel Tosco regno Che si n'arrise il Ciel, diede l'impero; Dunque sia vil tenzone Di magnanimo core a Cor si molle, Amor far paragone: Tu sei d'animo immondo Io domator, trionfator del mondo ; Il mio valor s'estolle Piu che non fa vezzosa Tra i pallidetti fior la fresca rosa. AMORE. Oh di sangue guerriero avido Amico, Cessin l' ire tra noi, Che ben veder tu puoi, Da questi occhi sereni, Da si candidi seni Qual sian l'armi d'Amor d'Amor gl'imperi; Tacerò di quest'arco L'insuperabil prove Piu loquace è tal hora il dir piu parco; Lo sa, lo sa ben Giove, E tu lo sai non meno All'hor ch'avvinto entro al materno letto I tuoi furti celar tentasti in vano; Lo sa 'l padre Oceano Lo san tutti, i mortali, e i cor piu degni. E chi commuove i regni ? e chi gl'affrena? E chi l'inclita prole Fa qui di Maddalena Aprir le vaghe ciglia al Ciel sereno, Altri, ch'Amore ? e senza Amore il mondo Non se n'andrebbe in precipitio al fondo? Cessin l' ire tra noi, cessin gl' orgogli, Ceda Marte ad Amore, Come cede alla rosa, ogn' altro fiore. MARTE. Quanta virtu da quei velati rai Ti tolse il Ciel, tutta ti pose in bocca, Si lusingar, si ben parlar tu sai : Ma vedi, Amor, sei conosciuto omai; Si sa che l'armi tue son voci, e piume, E ch'hai sol per costume, Di lusingar, non di ferire i cori, Io piu vago di sangue Sprezzo ogn'altro martire, Che 'l ferire, o 'l morire, Ben sapran qui ridir mille mortali Le tue pene, e i tuoi mali, Ma della destra mia chi prova l'ire Piu non le sa ridire.; AMORE. Tu d'una morte sola Puoi far satio il tuo core, Ma cento morti ogn'hora E'n cento guise apportar puo chi vola; Tu che si forte sei Opra in me se tu puoi, tuo ferro crudo : E pur mi vedi ignudo. Farò ben io ch' invano Impugnerai lo scudo Contro l' alto poter di questa mano; Smorzarò ben della tua mente l'ire, Se temprarò miei dardi In questi, acuti sguardi; Anzi, ti farò dire; Che 'l contrastar piu meco È temerario ardire; Ecco chi più di me ti puo ferire : Chi le crude armi tue, tuoi sensi affrena Pur è madre d'Amor chi t' incatena. VENERE. Le mie placide voglie amato figlio Cognoscer non gli fero il tuo valore All'hor che tua mercè, con lieto ciglio Tra i piu dolci sospir gli diedi il core ; Ma tu, se saggio sei cangia consiglio : Cedi, deh cedi omai, Marte, ad Amore ; Tosto vedrai, qual sovra i tuoi guerrieri E sovra te siano d'Amor gl'imperi, Dichan le greche, e le latine carte De' maggior Regi, e Cavalier migliori, Quanti, oh quanti lasciàr l'orme di Marte Per gl' affetti seguir dei loro Amori, Ne men fors' oggi il lusinghier comparte A mille Eroi nel seno alti dolori; Tutti trofei di questo mio diletto Che gl'occhi altrui beando, ancide il petto; AMORE. Tu che de' sommi Regi, Diva, l'eccelse glorie eterne rendi Su ne celesti seggi A campi Elisi scendi; E chi dalla mia face Hebbe tormento, e pace Venga, e chi per me gode, A palesar mia lode. ETERNITÀ. Voi che felici campi Godete anime liete, anime ardite, Venite omai, venite E co' sereni lampi, E con veraci istorie Esaltate d'Amor l' eccelse glorie. Venga colui che con l'ardita mano Diede a la Donna sua sepolcro, e vita; Tancredi, e seco la guerriera ardita, Lacrimata da lui gran tempo in vano, Ne tardin piu quei cor si generosi Che d'alte glorie e di me stessa ornate, Sprezzaron per l'onor gl'ultimi fati, Gildippe, & Odoardo Amanti, e sposi. Tu che d'Armida alle lascivie, a i vezzi Fosti rapito, e poi domasti i Siri, Vientene seco; e i caldi suoi sospiri Tuo generoso Cor piu non disprezzi. Muova la coppia generosa il piede D' Isabella e Zerbin con fera sorte, Quel per l'amico, e questa hebbe la morte Per conservare al suo signor la fede, Di Rodomonte e Mandricardo altero L'occisor franco, e la sua Donna avante Segua, dico, Ruggiero, e Bradamante ; Tanto basti a mostrar d'Amor l' impero. VENERE. E quai Guerrieri, e quai cortesi amanti Ne mostri amato figlio? O Cieli, o Stelle, Vedeste mai ne' vostri moti erranti. Arder di piu bel foco alme piu belle ? Dhe, non si tratti a si gran Rege avanti, All'amato da lui lucido sole Piu di contese o d'armi; Sol di balli, e carole Veggio ch'Amore ha sete ; Obbeditelo voi, alme ch'ardete. VENERE. Deh, s'a' vostri desiri Mai sempre arrida il Cielo, Disarmate la man d'aurato telo; Ciascun dimostri, in disusati giri, Havere il piede snello, e destro il fianco Non men nell'armi, che ne balli franco. AMORE. Itene omai, voi, che felici ardete, Lieti godete, o fortunati amanti, E tra diletti, e canti Trapassate in amar l'ore piu liete ; Ite, e d'Amore i vanti Intrecciate e gl'onori, Tesori eterni agl'amorosi Cori. Noi qui tra rose in tanto e tra viole L'inclita prole onorerem cantando, E quando sorge, e quando Nell'immenso ocean si colca il Sole; Poi tra le nubi errando D' alte glorie, e divine Al fine gl'ornerem l'aurato crine Del Mediceo valore ai cari accenti Tacino i Venti, e non si scuota fronda ; Aura spiri seconda A generosi suoi pensieri ardenti, Il Ciel, la Terra e l'Onda, Ove sua voglia aspiri, Lo giri lieto, e fortunato il miri. FINIS. Personaggi, che ballano Tanchredi, e Clorinda Rinaldo, e Arnida Odoardo, e Gildippe Zerbino, e Isabella Ruggiero, e Bradamante.